Î
Photo Gallery CONCERTS PORTRAITS PLACES EVENTS INTERIORS FULL GALLERY
    
Icona Hamburger
Î
Me BIO - COPYRIGHT - CONTACT BLOG UPDATE INSTAGRAM FLICKR FACEBOOK YOUTUBE
    
Icona Hamburger
Titolo Blah Blah
Pagina Precedente |  


Bussola
Sei in: Home Blog Blah Blah... Pag. 22
STORY OF A PICTURE
(IT) Cortometraggio sulla Fotografia di Concerti
(EN) Concert Photography short film

(Shooting and Editing: Roberto Re)


Questo video non Ŕ un tutorial / This video is not a tutorial.
Non sono un fotografo professionista, quindi non mi sento nella posizione di dirvi cos'Ŕ giusto o sbagliato, cosa fare o non fare.
Dopo aver fotografato diversi concerti, piccoli e grandi, ho voluto semplicemente regalarmi/vi un video, in parte scherzoso e condividerlo con voi.


* Nota 'Impostazioni Reflex' (minuto 01:52):
(IT) Le impostazioni (Av, Esposizione, ISO, ecc ecc...) si riferiscono al settaggio base/ideale di una Reflex FF + Ottica 70/200mm;
suddette impostazioni subiranno delle variazioni volta per volta, in base all'ottica montata e alle condizioni che ci si troverÓ davanti, vedi luci frontali, controluce, movimento dei soggetti.
Se esistesse un'impostazione base perfetta per tutte le situazioni sarebbe troppo bello... o brutto? Io opto per la seconda.

(EN) The settings (Av, Exposure, ISO, etc...) refer to the basic/ideal set for a Reflex FF + 70/200mm Lens and may vary while shooting, according to different situations during the show (front lights, backlights, velocity of the subjects and more...).



line


Partiamo dal fatto che non esiste un'impostazione unica che copre al 100% tutte le situazioni.
Ci sono concerti dove si hanno poche variazioni di luce, quindi viene discretamente semplice scattare in 'manuale'.
Ci sono dei live dove le luci cambiano ogni mezzo secondo, quindi gli automatismi possono venirci in aiuto.
Alcuni fotografi sono contro gli automatismi a priori, come se fossero il male.
Personalmente, penso che in tante situazioni possono tornarci utili, mentre in altre tolgono al fotografo il totale controllo dello scatto;
si tratta solo di capire cosa si vuole ottenere da uno scatto e valutare, caso per caso, come muoversi a riguardo.
Fotografia di Concerti, Ritratti, Still Life, Street sono tipologie di fotografia molto diverse tra loro;
vien da sŔ che ogni tipologia, di base, pretende un determinato setup, ma sempre con un discreto limite di movimento.
Se poi aggiungiamo che ogni fotografo, giustamente, ha il proprio stile, capirete che le varianti diventano davvero tante.
Ho conosciuto fotografi di concerti che scattano sempre in 'manuale', chi a 'prioritÓ tempi', chi a 'prioritÓ diaframmi';
i metodi sono diversi, ma i risultati di suddetti fotografi sono spesso ottimi.
Colpo d'occhio, taglio, stile, a mio avviso sono gli elementi che hanno maggior peso quando si scatta sotto palco... e non solo.
Ovvio poi che, se la reflex Ŕ impostata e gestita a casaccio, i risultati saranno quasi sicuramente scadenti.



LE MIE IMPOSTAZIONI
  • Formato: RAW
  • Misurazione Spot (In tutti i concerti).
  • Diaframmi aperti (2.8 - 4.0). In una situazione con una forte illuminazione (cosa a dir poco rara), a piacere si ha la possibilitÓ di chiudere ulteriormente il diaframma, rimanendo nei tempi di sicurezza e con ISO discretamente bassi.
  • Tempi di posa:
    - Ottica 70-200mm -> Almeno un 1/200 sec. - 1/250 sec.
    - Ottica 24/70mm -> Almeno un 1/125 sec.
  • ISO: qui il range Ŕ molto alto. ISO 800 (Forte Illuminazione) fino a ISO 8000 (Scarsa Illuminazione)
  • Modo messa a Fuoco / Area AF:
    da quando faccio foto a concerti, ho praticamente sempre usato AF-S (Modo messa a Fuoco) e Punto AF singolo (Area AF).
    Dal 2018, nello specifico dal concerto dei Dead Cross, ho cominciato a sperimentare l'AF-C con area Dinamica a 21 punti;
    devo dire che il tutto funziona molto bene ed Ŕ molto funzionale per fotografare soggetti che si muovono molto velocemente.
    Da manuale della Nikon D750 -> "AF ad area dinamica a 21 punti: scegliere quando si fotografano soggetti che si muovono in modo imprevedibile.".

Detto questo, riguardo ai tempi di sicurezza, faccio un esempio di una specifica situazione che potrebbe smontare un pochino quanto detto sopra.
Situazione: chitarrista solista, seduto, con una discreta illuminazione.
In condizioni simili, ci si pu˛ permettere di allungare i tempi di scatto, ad esempio 1/60 sec. con una focale (meglio usare un'ottica con stabilizzatore) anche di 100-150mm, cosý da far entrare pi¨ luce e di conseguenza puntare ad avere ISO pi¨ bassi (ISO bassi = Meno Rumore).
In questa pagina e nel video, troverete questa situazione nello shooting a Myles Kennedy.



COME RAGIONA L'ISO AUTO

Facciamo alcune prove partendo dalle seguenti impostazioni:

  • Modo di esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.2
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/320 sec. (Buon tempo di sicurezza per una focale di 200mm)
    - SensibilitÓ minima: 200
    - SensibilitÓ massima: 4000
FORTE ILLUMINAZIONE

Fotografia - ISO AUTO - Forte Illuminazione - Compensazione dell'esposizione -1.0
Compensazione dell'esposizione -1.0
Fotografia - ISO AUTO - Forte Illuminazione - Compensazione dell'esposizione 0
Compensazione dell'esposizione 0
Fotografia - ISO AUTO - Forte Illuminazione - Compensazione dell'esposizione +1.0
Compensazione dell'esposizione +1.0

In queste condizioni, Ŕ facile dedurre che, guardando i dati di scatto e l'istogramma, l'impostazione migliore Ŕ quella con la compensazione dell'esposizione a +1.0;
lo scatto ha una buona esposizione, il tempo di sicurezza viene mantenuto e gli ISO risultano molto bassi.
In queste condizione, se si ha la necessitÓ, c'Ŕ la possibilitÓ di chiudere ulteriormente il diaframma senza nessun problema.


SCARSA ILLUMINAZIONE

Fotografia - ISO AUTO - Scarsa Illuminazione - Compensazione dell'esposizione -1.0
Compensazione dell'esposizione -1.0
Fotografia - ISO AUTO - Scarsa Illuminazione - Compensazione dell'esposizione 0
Compensazione dell'esposizione 0
Fotografia - ISO AUTO - Scarsa Illuminazione - Compensazione dell'esposizione +1.0
Compensazione dell'esposizione +1.0

Qui la faccenda si complica un pochino.
Ragionando di pancia, verrebbe da dire che la foto migliore Ŕ quella con la compensazione dell'esposizione a +1.0, e nella pratica lo Ŕ, ma c'Ŕ un per˛;
il tempo di posa Ŕ di 1/80 sec.*, che ad un concerto, con una focale di 200mm, equivale ad avere in mano quasi sicuramente una foto mossa.
Nell'esempio qui postato, come negli altri scatti, il tutto Ŕ sempre ben fermo perchŔ il soggetto (il foglio con la scritta 'PROVA') Ŕ statico ed in pi¨ la reflex Ŕ collegata ad un cavalletto;
queste condizioni, ad un concerto, inutile dirlo (ma lo dico lo stesso), non esistono.
Lo scatto con la compensazione dell'esposizione a 0 potrebbe andar bene, ma il tempo di sicurezza Ŕ di poco sotto la soglia ottimale.
Lo scatto con la compensazione dell'esposizione a -1.0, risulta il pi¨ scuro, ma il tempo di sicurezza Ŕ perfetto.
In post produzione, l'esposizione si pu˛ correggere, il rumore si pu˛ abbassare, ma per il mosso non ci sono soluzioni.
Per quanto mi riguarda, in questa condizione (SCARSA ILLUMINAZIONE), vince la foto con la compensazione dell'esposizione a -1.0.

* Nota: con la funzione ISO Auto, quando la luce Ŕ troppo poca per le impostazioni che abbiamo settato, l'ISO sale al massimo, nel nostro caso ISO 4000 ed il sistema cerca di compensare allungando i tempi, sforando anche il settaggio che avevamo impostato;
in questa situzione, avevamo impostato come tempo di posa minimo 1/320 sec., ma i tempi, nella prova con la compensazione dell'esposizione +1.0, si sono allungati fino a 1/80sec.



QUALCHE GIORNO PRIMA DEL CONCERTO

Che tipo di ottica Ŕ meglio montare? Quanto sarÓ illuminata la band?
La risposta precisa non esiste, ma elenco alcuni punti che possono tornare utili:

  • Se si conosce il locale dove si andrÓ a fotografare, Ŕ giÓ un buon punto di partenza.
  • Sapere chi si andrÓ a fotografare. Ci sono band mediamente statiche, band con cantanti che saltano e corrono di continuo, band che da anni vogliono una bassa illuminazione;
    conoscere questi aspetti pu˛ essere comodo per avere un'idea su come impostare la/le reflex.
  • Illuminazione e informazioni varie: lo shooting coincide con la prima data del tour della band? Bene (ironico), mi dovr˛ accontentare di cercare in rete video e/o foto di tour precedenti.
    La band Ŕ giÓ in tour? Sbircio qualche giorno prima su YouTube e webzine varie.
    Conoscete qualcuno che li ha fotografati magari il giorno prima? Mandategli un messaggio per avere qualche info. (Nel prossimo paragrafo, troverete un esempio a riguardo)
    Ritornando un passettino indietro, ossia a "La risposta precisa non esiste.", mi riferivo al fatto che non sempre le band, soprattutto quelle pi¨ piccole, hanno il loro tecnico delle luci (credo che in questi casi si limitino a dare delle indicazioni al tecnico delle luci del locale), quindi pu˛ capitare di trovare in rete la stessa band che il giorno prima aveva il palco illuminato a giorno, mentre il giorno dopo, quando toccherÓ a noi... ecco, ci si capiti.
  • La zona grigia: imprevisti, pioggia, cazzate tipo aver dimenticato di togliere lo scatto ritardato dalle impostazioni (succede succede...), in troppi sotto il palco e varie ed eventuali, sono cose da mettere in conto, ma questo vale per qualsiasi servizio fotografico.


COM'ERA IMPOSTATA LA REFLEX NEI CONCERTI PRESENTI NEL VIDEO?

DEAD CROSS

Mike Patton Dead Cross Live
Clicca sull'immagine per ingrandirla


Il giorno del concerto, mi faccio dare qualche informazione da un mio amico (Alex Panozzo) che li aveva fotografati il giorno prima;
illuminazione frontale medio-bassa con cambio luci veloce, canzoni brevi e Mike Patton che salta qua e lÓ come una cavalletta.
La durata dei brani dei Dead Cross Ŕ discretamente breve, quindi decido che non far˛ un cambio ottica durante il concerto.
Ho optato per il 24-70mm (Nikon D750) e Fisheye 15mm (Nikon D700), pur sapendo che alla batteria c'Ŕ un certo Dave Lombardo, che meriterebbe un primo piano da farsi con il 70-200mm.
A proposito di Dave Lombardo, mi era stato detto che era quasi invisibile, ossia nascosto quasi totalmente dietro alla batteria;
cosý Ŕ stato quindi, poco pentito di non aver montato il 70/200mm.
Durante il concerto ho comunque valutato di montare il 70-200mm, ma visto la durata davvero molto breve delle canzoni, ho lasciato tutto com'era.
Grazie alle dritte di Alex, lo Scatto Continuo (CL), Compensazione Esposizione -2.0 (in poche foto ho esagerato spingendomi fino a -3.0) e l'Autofocus ad area dinamica a 21 punti si sono rivelate le impostazioni ideali per il mio modo di scattare.
Visto i continui movimenti di Mike Patton, sull'ottica 24/70mm ho fissato un tempo minimo di 1/250;
con queste impostazioni, scattando nei micro-momenti con una discreta illuminazione, ci si potrebbe ritrovare in mano fotografie discretamente sottoesposte, ma ferme e con ISO bassi.
In post-produzione basterÓ alzare l'esposizione, e visto i bassi ISO, la grana sarÓ leggera e semplice da ammorbidire.
Di seguito, tutti i settaggi:

Nikon D750 + Nikon 24/70mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.2 / 3.5
  • Compensazione Esposizione: -2.0EV / -3.0EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/250 sec.
    - SensibilitÓ minima: 400
    - SensibilitÓ massima: 8000
  • Modo messa a Fuoco: AF-C
  • Area AF: Dinamica 21 punti

Nikon D700 + Sigma (Fisheye) 15mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.2
  • Compensazione Esposizione: -1.3EV / -1.7EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/160 sec.
    - SensibilitÓ minima: 400
    - SensibilitÓ massima: 4000
  • Modo messa a Fuoco: AF-S
  • Area AF: Punto AF singolo

Clicca qui per visualizzare la gallery del concerto dei Dead Cross.



UGLY KID JOE

Ugly Kid Joe Live
Clicca sull'immagine per ingrandirla


Il pit del Legend Club Ŕ piccolino, il palco Ŕ basso, quindi il 70-200mm sta a casa.
Per il concerto degli Ugly Kid Joe ho optato per il Fisheye 15mm della Sigma e il Nikon 24-70mm;
se avessi avuto un grandangolo (ce l'ho, ma Ŕ poco luminoso), vedi un 14-24mm f 2.8, l'avrei portato molto volentieri.
Shooting tranquillo, tutto nella norma, ma con un inaspettato ed emozionante cadeau da parte di Whitfield Crane, che mi fa salire sul palco a far foto;
passati i primi 5 minuti di panico (li seguo da quando avevo 16 anni, i tempi della mitica e vera MTV), gironzolo tra palco e pit per tutta la durata del concerto, non solo per far foto, ma anche per cercare la batteria dell'Action Cam (persa/ritrovata nel pit, tra un brano degli Ugly Kid Joe e una serie infinita di mie imprecazioni).
Un'occhiata, due, tre, beh... pure Whitfield Crane era interessato alla mia Action Cam (anche una persona del suo staff era sul palco a riprendere il concerto/pubblico);
un paio di volte Ŕ venuto da me chiedendomi se 'riprendeva in fisheye'... Io? Panico! :)
Che dire, serata spassosissima, con una band storica e molto alla mano, in un'atmosfera davvero old school.
Nota:
una volta a pc, guardando le foto e i dati di scatto beh, ammetto che sulla reflex con montato il fisheye, avrei potuto portare a 1/200 il tempo di posa minimo (l'avevo impostato a 1/250) ed in certi scatti compensare l'esposizione in negativo un pochino di pi¨, cosý da avere ISO pi¨ bassi;
con i se i ma non si cambiano le cose, ma Ŕ sempre esperienza in pi¨, che aiuta a crescere ed imparare.
Di seguito, tutti i settaggi:

Nikon D750 + Sigma (Fisheye) 15mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.2 / 3.5
  • Compensazione Esposizione: 0EV / -1.7EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/250 sec.
    - SensibilitÓ minima: 400
    - SensibilitÓ massima: 8000
  • Modo messa a Fuoco: AF-S
  • Area AF: Punto AF singolo

Nikon D700 + Nikon 24/70mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.2
  • Compensazione Esposizione: 0EV / -1.3EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/250 sec.
    - SensibilitÓ minima: 200
    - SensibilitÓ massima: 4000
  • Modo messa a Fuoco: AF-S
  • Area AF: Punto AF singolo

Clicca qui per visualizzare la gallery del concerto degli Ugly Kid Joe.



MYLES KENNEDY

Myles Kennedy Storyteller Solo Tour Live
Clicca sull'immagine per ingrandirla


Per il concerto di Myles Kennedy, la situazione si presenta abbastanza semplice;
soggetto quasi sempre fermo, luci frontali chiare e molto luminose, controluce leggero e colorato.
Ottiche utilizzate: Nikon 24/70mm e Nikon 70/200mm.
Nel settaggio dell'ISO Auto sulla reflex dove ho montato il 70/200mm, imposto come tempo minimo di posa 1/160 sec., appena sotto il tempo di sicurezza, ma in questo caso perfetto visto il soggetto quasi sempre fermo;
in pi¨, grazie al VR, ovvero lo stabilizzatore, possiamo stare tutti pi¨ sereni.
Tutto okkay direi, peccato solo per il leggio posto sul lato sinistro di Myles Kennedy che ha praticamente reso impossibile scattare dal lato destro del palco (Il leggio impallava totalmente Mr. Kennedy).
Di seguito, tutti i settaggi:

Nikon D750 + Nikon 70/200mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.5 / 5
  • Compensazione Esposizione: 0EV / -1.0EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/160 sec.
    - SensibilitÓ minima: 400
    - SensibilitÓ massima: 8000
  • Modo messa a Fuoco: AF-S
  • Area AF: Punto AF singolo

Nikon D700 + Nikon 24/70mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.5
  • Compensazione Esposizione: -0.7EV / -1.3EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/160 sec.
    - SensibilitÓ minima: 400
    - SensibilitÓ massima: 4000
  • Modo messa a Fuoco: AF-S
  • Area AF: Punto AF singolo

Clicca qui per visualizzare la gallery del concerto di Myles Kennedy.



BEYOND THE BLACK

Beyond The Black Live
Clicca sull'immagine per ingrandirla


A differenza delle altre band citate in questa pagina, nei Beyond The Black alla voce c'Ŕ una donna;
ai pi¨ la cosa importerÓ poco, per me conta molto perchŔ, un soggetto femminile, a mio avviso, necessita di qualche accortezza in pi¨, soprattutto se Ŕ carino (Jennifer Haben Ŕ carinissima);
lo scopo Ŕ quello di valorizzare al massimo il viso quindi, le parti riguardanti le inquadrature e la post-produzioni le trovo pi¨ difficili, ma allo stesso tempo pi¨ interessanti.
Classico delle frontwomen metal, Ŕ l'headbanging;
tempi veloci e fuoco continuo obbligatori.
Sempre riguardo l'headbanging, in un paio di scatti ho fatto l'errore di zoomare troppo e una porzione di capelli sono usciti dall'inquadratura, mentre in altri scatti avrei preferito fare un'inquadratura verticale, ma avendo la 'cassa spia' proprio davanti (PerchŔ non ti sei spostato? PerchŔ a fianco, ricordo, ci sono altri fotografi) e non essendo alto due metri, ho preferito rimanere su un'inquadratura orizzontale. Concludendo, band molto divertente da fotografare, peccato per il batterista praticamente sempre al buio.
Di seguito, tutti i settaggi:

Nikon D750 + Nikon 24/70mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.2 / 3.5
  • Compensazione Esposizione: -0.7EV / -1.7EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/250 sec.
    - SensibilitÓ minima: 400
    - SensibilitÓ massima: 8000
  • Modo messa a Fuoco: AF-C
  • Area AF: Dinamica 21 punti

Nikon D700 + Nikon 70/200mm

  • ModalitÓ di Esposizione: PrioritÓ dei Diaframmi
  • Diaframma 3.2
  • Compensazione Esposizione: -0.7EV / -1.7EV
  • ISO Auto:
    - Tempo di posa minimo 1/250 sec.
    - SensibilitÓ minima: 200
    - SensibilitÓ massima: 4000
  • Modo messa a Fuoco: AF-C
  • Area AF: Punto AF singolo

Clicca qui per visualizzare la gallery del concerto dei Beyond the Black.



PERCH╔ LE RICETTE? PERCH╔ QUELLE RICETTE?

Mi piace cucinare, ma ovviamente, prima di uno shooting, non mangio quello che avete visto nel video, altrimenti mi addormenterei prima di mettermi in auto.
Quindi, perchŔ nel video ci sono delle ricette?
Semplicemente perchŔ mi andava di condividere anche questa mia passione all'interno dello stesso video, con l'accortezza di abbinare ogni piatto ad ogni band/artista.
In che senso? Adesso ci arriviamo.

Dead Cross:
Mike Patton ha vissuto in Italia, ama l'Italia, quindi gli Spaghetti al pomodoro ci stanno come il cacio sui... ehm, ci siamo capiti.

Ugly Kid Joe:
l'idea dell'Hamburger m'Ŕ venuta guardando l'interno copertina del loro CD 'America's Least Wanted'. (Clicca qui per vedere l'immagine)
Dimenticavo, a fine serata Whitfield Crane m'ha gentilmente autografato il mio 'America's Least Wanted'. (Clicca qui per vedere l'immagine)

Myles Kennedy:
cercando in rete, ho trovato un 'audio intervista' a Myles Kennedy realizzata da Pepsi MTV Indies. (Clicca qui per andare alla pagina dell'intervista)
Nella stessa pagina, viene riportato quanto segue "In his first and only ever interview in India, Myles Kennedy talks about everything from his love for Indian food...";
India, cibo indiano... Pollo al Curry.

Beyond the Black:
allora, un primo piatto l'avevo fatto (spaghetti), un piatto da fast food anche (hamburger), un secondo/piatto unico anche (pollo al curry), cosa rimane? Il dolce.
I Beyond the Black sono un gruppo musicale tedesco, Jennifer Haben, la cantante, Ŕ nata a St. Wendel, localitÓ discretamente vicina a Francoforte;
tra le varie opzione, ho scelto la Frankfurter Kranz, una torta leggerissima con dentro giusto un quintale di burro e con un livello di difficoltÓ di preparazione non proprio semplice.

Riguardo la preparazione dei piatti, ringrazio la mia ragazza (La Francy) che, oltre ad aver preparato in toto l'hamburger e la torta, m'ha dato un grande aiuto nelle fasi di ripresa.



CALIBRAZIONE E PROFILAZIONE DEL MONITOR

Per la calibrazione e la profilazione del mio monitor, uso il colorimetro i1Display Pro della X-Rite;
ovviamente, insieme al colorimetro, uso il software annesso.

Quali sono i miei settaggi?
Settaggi per il Web:

  • Punto bianco: D65
  • Luminanza: 115
  • Gamma: 2,20

Settaggi per la Stampa:

  • Punto bianco: D65
  • Luminanza: 80
  • Gamma: 2,20

L'argomento Ŕ decisamente molto complesso, quindi vi lascio nelle mani di due guru, ossia Mauro Boscarol e l'utente Raamiel presente sul forum di JuzaPhoto:



CONCLUSIONI

Cosa dire... provate, riprovate, trovate il metodo che pi¨ vi aggrada, ma soprattutto divertitevi.
Riguardo al Video e a questo non Tutorial:
come disse Mike Patton in un'intervista a Jesolo (Concerto Fant˘mas), "Spero che alla gente piaccia, se no... non Ŕ che mi sparo in testa, capito?".

Un saluto
Robby





PAG. 22
Pagina Precedente |